giovedì, settembre 11, 2014

da : liberoquotidiano

Bechis in piazza
10 settembre 2014

Spending review, la protesta: tagliati i medici fiscali, fan festa gli assenteisti

Da quando al governo (prima di Enrico Letta, poi di Matteo Renzi) è venuta in mente l'idea di tagliare il budget Inps per pagare le visite mediche fiscali ai dipendenti pubblici e privati in malattia, è tornato a mettere le ali il fenomeno dell'astensionismo. Sia nelle aziende pubbliche che in quelle private. Il taglio dei fondi, che di fatto ha ridotto del 90% gli stanziamenti per i 1.400 medici fiscali (che sono pagati a collaborazione) facendo scendere le relative visite ispettive infatti ha messo le ali alla spesa Inps per i periodi di malattia. La crescita nelle prime Regioni (come la Calabria) che ha offerto dati a consuntivo è oscillata fra il 7 e il 10%, con un costo extra che supera ampiamente quei 40 milioni di euro che si pensava di risparmiare con questa particolare spending review. I medici fiscali costretti a circa 500 euro al mese di collaborazione, hanno prima tentato di trovare con le istituzioni soluzioni alternative (e il Ministero della Salute sostiene che ci siano 70 milioni di euro di fondi che le Regioni devono sbloccare anche per questa finalità), poi hanno iniziato la loro protesta, che raccontano qui con molto garbo alla web tv di Libero.

di Franco Bechis

pulsante:



domenica, settembre 07, 2014

da quotidiano sanità.it // Fnomceo: “Nessuna sanzione ai medici fino all’emanazione del Dpr”

05 SET - Nessuna sanzione disciplinare per i Medici e per gli Odontoiatri che non si assicurano, sino a quando non sarà emanato il D.P.R. previsto dal D.L. Balduzzi, che disciplinerà le procedure e i requisiti minimi e uniformi per l’idoneità dei contratti assicurativi.

È quanto la Fnomceo comunica al ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, in una lettera.

Nonostante le reiterate richieste di proroga, infatti, l’obbligo di assicurarsi, per i professionisti della Sanità, è scattato il 15 agosto scorso, in assenza, appunto, di questo D.P.R. che preveda, tra l’altro, la costituzione di un Fondo, per garantire idonea copertura assicurativa ai professionisti. E per giunta, secondo quanto previsto da un’altra Legge (il D.P.R. 137/12, all’art.5), la mancata stipula di una polizza costituirebbe addirittura illecito disciplinare. Ma la Fnomceo non ci sta.

 “Non ci sembra giusto – spiega il Segretario della Federazione,
Luigi Conte – dare operatività all’obbligo di legge che prevede le sanzioni e non applicare contestualmente l’altro obbligo, vale a dire l’emanazione del DPR che definisca i requisiti minimi del contratto, oltre a istituire il Fondo: elementi di tutela assolutamente necessari per dare serenità ai nostri professionisti”.

Altri punti restano inoltre da chiarire: come si applica la normativa agli specializzandi? E ai giovani medici inoccupati o disoccupati, o con un contratto atipico? E ai pensionati che, pur non esercitando più l’attività, vogliano restare iscritti all’Ordine? La parola passa al Ministero.


05 settembre 2014




da presidente fnomceo a ministro salute su : obbligo assicurazione professionale




giovedì, settembre 04, 2014

Ai Padroni delle istituzioni !!

Ecco una notizia del secolo scorso ,

che può tornare utile  agli smemorati e agli ignoranti .



Noi monomandatari ed esclusivisti


nell'anno  1996


compilammo e firmammo 


il modello Inps sotto riportato,


accettando e rispettando le 


incompatibilità



imposte dal DM del ‘96


morale della favola : 


chi rispetta le regole 

viene calpestato e punito e

chi le infrange ?



sabato, agosto 30, 2014

30/agosto/2014 ore 16.00 ///ricevo comunicazione di un sit-in dal giorno 8 al giorno 11 agosto 2014 dalla collega Melania Scarpino sede inps Palmi(RC)

MEDICI FISCALI INPS IN PIAZZA MONTECITORIO

A seguito della decisione della direzione generale dell'Inps di ridurre del 90 % le visite mediche di controllo della malattia dei lavoratori del settore privato,dopo 17 mesi di attesa, di promesse non ancora mantenute, di solidarietà sterile da parte di politici,ordini e presidenza fonmceo,dopo le conclusioni dell’indagine conoscitiva della XII commissione Affari Sociali della Camera, che ha riconosciuto l'importanza , l'efficacia e l'efficienza della medicina di controllo INPS e della grave lesione della dignità di oltre mille professionisti,
I medici Fiscali hanno deciso di manifestare in piazza Montecitorio, dall’ 8 al 10 settembre per rendere ancor più palese l'incongruenza di questo provvedimento che non solo colpisce una categoria di professionisti con esperienza ultraventennale, ma apporta un danno allo Stato e quindi alla collettività tutta per l'incrementarsi del fenomeno dell'assenteismo per malattia,, strumento spesso abusato.


==============================================

Il sit-in avrà come sede piazza Montecitorio  nei giorni :

 8 (ore 8/14) 

  9(ore 14/20) 

10 (ore 8/14)

nella sede della FNOMCEO in via Cola di Rienzo 

11 ( ore 8/20)‎


Per ulteriori informazioni contattare la collega Melania Scarpino (inps Palmi-RC)



giovedì, agosto 07, 2014

fnomceo



martedì, agosto 05, 2014

da ANMEFI - Oggetto: Polizza obbligatoria di responsabilità professionale. Richiesta esonero per i medici fiscali INPS




sabato, luglio 26, 2014

bocciato e/o ritirato emendamento 25.27 di Dorina Bianchi , segue breve sk da Cavoli su quanto accaduto questa notte in commissione

Francesco Paolo SISTO, presidente, avverte che l'emendamento Bolognesi 25.1 viene accantonato in attesa che sia distribuito il testo scritto della proposta di riformulazione del relatore. Constata l'assenza dei presentatori dell'emendamento Russo 25.24: si intende che vi abbiano rinunziato.
  Dorina BIANCHI (NCD) chiede al relatore e al Governo di rivedere il parere contrario sul suo emendamento 25.27, che illustra.
  Donata LENZI (PD) non ritiene corretto il riferimento al decreto-legge n. 78 del 2009 contenuto nell'emendamento 25.27, dove non si parla di commissioni medico-fiscali.
La seduta, sospesa alle 21.10, riprende alle 21.30.

  Dorina BIANCHI (NCD) ritira il proprio emendamento 25.27.

pulsante:

=================================================================
P.S.: segue testo emendamento 25.27

Proposta emendativa 25.27. in I Commissione in sede referente riferita al C. 2486
25.27.
pubblicata nel Bollettino delle Giunte e Commissioni del 15/07/2014
Proposta emendativa pubblicata nel Bollettino delle Giunte e Commissioni del 15/07/2014  25.27.
  Dopo il comma 9, aggiungere i seguenti:
  9-bis. All'articolo 20 comma 1 decreto-legge 1o luglio 2009 n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 3 settembre 2009 n. 102, dopo le parole: «proprie risorse umane», aggiungere le seguenti: «ivi compresi i medici, ancorché non in possesso dei titolo di specializzazione, di cui all'articolo 4, comma 10-bis, decreto-legge 31 agosto 2013, n. 101, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 ottobre 2013, n. 125.».
  9-ter. Dall'attuazione delle disposizioni di cui al comma 9-bis non devono derivare nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica.

Bianchi DorinaPiccone Filippo
===============================================
da Mauro Cavoli : breve sk su quanto accaduto questa notte in commissione:
La Commissione Affari Sociali della Camera, nel documento conclusivo riguardante “l’indagine conoscitiva sull'organizzazione dell'attività dei medici che svolgono gli accertamenti sanitari per verificare lo stato di salute del dipendente assente per malattia” approvato all’unanimità il 27 maggio, tra l’altro recitava:
Appare infine utile il percorso di fidelizzazione del personale sanitario anche attraverso il ricorso alla professionalità del medesimo, verificando ad esempio la possibilità che siano chiamati a partecipare alle commissioni per certificazioni di invalidità 
L’emendamento n.25.27 al DDL 2486 di conversione in legge del DL 90/2014, presentato dall’Onle Dorina Bianchi, e dichiarato ammissibile dalla Commissione Affari Costituzionali, rispondeva alle indicazioni riportate nel documento conclusivo della Commissione Affari Sociali:
Dopo il comma 9, aggiungere i seguenti:
  9-bis. All'articolo 20 comma 1 decreto-legge 1o luglio 2009 n.78, convertito, con modificazioni, dalla legge 3 settembre 2009 n.102, dopo le parole: «proprie risorse umane», aggiungere le seguenti: «ivi compresi i medici, ancorché non in possesso dei titolo di specializzazione, di cui all'articolo 4, comma 10-bis, decreto-legge 31 agosto 2013, n. 101, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 ottobre 2013, n.125.». 
  9-ter. Dall'attuazione delle disposizioni di cui al comma 9-bis non devono derivare nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica.
La norma che l’emendamento va a modificare, articolo 20 comma 1 DL 78/2009, è la seguente:
Art.20.
Contrasto alle frodi in materia di invalidita' civile
1. A decorrere dal 1° gennaio 2010 ai fini degli accertamenti sanitari di invalidita' civile, cecita' civile, sordita' civile, handicap e disabilita' le Commissioni mediche delle Aziende sanitarie locali sono integrate da un medico dell'INPS quale componente effettivo. In ogni caso l'accertamento definitivo e' effettuato dall'INPS. Ai fini dell'attuazione del presente articolo l'INPS medesimo si avvale delle proprie risorse umane, finanziarie e strumentali, anche attraverso una razionalizzazione delle stesse, come integrate ai sensi del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 30 marzo 2007, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 121 del 26 maggio 2007, concernente il trasferimento delle competenze residue dal Ministero dell'economia e delle finanze all'INPS.
Quindi, attraverso l’emendamento vengono  inclusi, tra le risorse umane di cui si avvale l’INPS per lo svolgimento delle attività chiamate a partecipare alle commissioni per certificazioni di invalidità, anche i medici fiscali dell’Istituto inclusi nelle liste ad esaurimento, cioè sanitari con un’esperienza ultrapluriennale nella medicina legale.

Di conseguenza, è errato affermare che il riferimento all’articolo 20 comma 1 DL 78/2009 indicato nell’emendamento non è corretto perché non parla di commissioni medico fiscali,  in quanto la proposta emendativa va ad individuare le risorse umane, cioè medici in grado di poter svolgere l’attività, come anche indicato dalla Commissione Affari Sociali, di cui l’INPS deve avvalersi.



This page is powered by Blogger. Isn't yours?

Iscriviti a Post [Atom]